Blog

Vacanze sostenibili, quando l’hotel si fa “eco” e risparmia sulla bolletta

Riduttori di flusso per rubinetti, prodotti di stagione, lampadine a basso consumo e differenziata.

Trascorrere le vacanze in albergo è confortevole ma dovremmo pensare anche all’impatto ambientale che ne deriva. Una struttura ricettiva necessita in media di 210 kilowattora di energia elettrica l’anno. Più aumentano i confort, a esempio aria condizionata e mini bar, più crescono gli “sprechi” energetici. E vanno considerati anche i rifiuti che l’hotel produce e l’acqua che utilizza. Gli alberghi richiedono, infatti, dai 60 ai 220 metri cubi di acqua l’anno. Con pochi accorgimenti, però, è possibile rendere questi edifici più sostenibili.

Spuntano gli ecohotel

Un esempio è dato dagli ecohotel, garantiti da un marchio europeo di certificazione ambientale per i prodotti e i servizi. Si tratta di strutture ricettive dove ogni scelta è pensata nel rispetto delle risorse naturali, e dove si rende più responsabile il turista. I consumi di energia sono ridotti dall’utilizzo di fonti energetiche alternative e l’architettura rispetta criteri di bioedilizia.

L’arredamento è ecologico ed economico; si applica una corretta gestione e differenziazione dei rifiuti. Altra garanzia è l’alimentazione. Gli ecohotel, infatti, prestano molta attenzione al menù proponendo alimenti biologici e regionali. E per gli spostamenti i clienti possono usufruire delle biciclette messe a loro disposizione. Queste strutture sono convenienti anche per gli imprenditori alberghieri perché l’adozione di misure per il risparmio energetico porta ad una considerevole riduzione dei costi nel mediolungo periodo.

Inoltre, per i turisti sensibili alla salvaguardia del pianeta il marchio eco rappresenta una garanzia e quindi un criterio di scelta per le proprie vacanze. Dai risultati di un’indagine condotta da alcuni esperti sulle strutture che aderiscono all’Ecolabel di Legambiente turismo è emerso che gli ecohotel hanno risparmiato sulla bolletta e ridotto di ben 21mila tonnellate, rispetto allo scorso anno, l’emissione di anidride carbonica. Merito anche dei clienti attenti a risparmiare acqua ed energia e pronti a rinunciare alle loro automobili per le “due ruote” o i mezzi pubblici.

Gli ospiti contribuiscono

Anche gli ospiti, infatti, devono contribuire, ad esempio facendo delle docce brevi, richiedendo il cambio delle lenzuola e degli asciugamani solo se effettivamente necessario, differenziando i rifiuti e mangiando solo prodotti di stagione. Secondo i dati della ricerca, eliminando le confezioni di marmellate monouso (sostitute da quelle in vetro) e utilizzando i dispenser al posto dei saponi con l’involucro in plastica sono state evitate sei tonnellate di rifiuti indifferenziabili. In merito, la direttrice generale di Legambiente, Rossella Muroni, ha spiegato che «per ottenere questo risultato non c’è stato bisogno di grandi investimenti.

Nelle strutture aderenti sono stati installati circa 40mila riduttori di flusso nelle docce e nei rubinetti che hanno consentito un taglio dei consumi idrici di 800mila metri cubi di acqua. L’installazione di oltre 60mila lampadine a basso consumo ha inoltre permesso un risparmio energetico di almeno 450 Mwh. Con uno sforzo decisamente sostenibile – ha concluso la direttrice – si può dare un grande aiuto all’ambiente e migliorare la qualità della nostra vita, aumentando la soddisfazione di chi sceglie il turismo consapevole ».

By johnny.saviotto | 09/05/2016 | Lifestyle

C’è nuova vita nelle Canarie

Scoperte nell’arcipelago diverse specie ignote. Coralli bianchi e neri, pesci, anemoni e poriferi. Ora l’organizzazione internazionale Oceana chiede al governo spagnolo di avviare politiche per la tutela delle risorse e delle forme di vita marine.

A un mese dalla spedizione nelle isole Canarie, una delle più grandi organizzazioni internazionali per la salvaguardia degli oceani, ha scoperto dieci nuove specie, del tutto sconosciute nell’arcipelago. Si tratta di coralli neri e bianchi e varie specie di pesci e altri organismi marini ignoti fino a ora. Il catamarano dell’organizzazione, il Ranger, grazie all’aiuto di un robot sottomarino che riesce a immergersi fino a 500 metri di profondità e a filmare i fondali oceanici, è riuscito a scoprire anche delle specie rare, delle quali, a livello biologico, si avevano pochissimi dati.

Vediamo qui parte della meravigliosa fauna che si può trovare alle Canarie:

Tra queste ci sono il pesce scorpione, la rana pescatrice, le gorgonie (colonie arborescenti molto ramificate e dei più svariati colori), gli anemoni (invertebrati marini) e i poriferi (o spugne). Questo immenso mondo marino popola gli abissi delle isole Canarie, fino a ora poco studiati a causa delle enormi profondità delle acque. L’organizzazione ha scelto così di servirsi oltre del robot, il Rov, anche di un team di professionisti subacquei in grado di immergersi fino a 40 metri.

Grazie al lavoro dei sommozzatori sono state analizzate le zone costiere più superficiali, dove l’equipe di ricercatori ha denunciato una grave perdita di pesci e di ricci di mare (Diadema antillarum), una delle specie più minacciate dell’arcipelago. Durante questa prima fase della missione sono stati realizzati quaranta inabissamenti in sei delle sette isole; nel secondo mese si passerà, invece, a studiare le acque del El Hierro.

Questa spedizione è stata un successo

La spedizione è stata realizzata in collaborazione con la fondazione per la biodiversità, dipendente dal ministero dell’Ambiente spagnolo, e l’obiettivo è analizzare i fondali delle isole per capire quali sono le zone che devono essere convertite in aree marine protette, e inserite nella rete europea Natura 2000 come Siti di interesse comunitario (Sic). Tra questi ci sarebbero Agafrecho (Lanzarote), Mogán, Arinaga, vicino Gando, e Sardina del Nord (Gran Canaria) e Teno (Tenerife). Come previsto dalla Convenzione per la biodiversità delle Nazioni unite, Oceana richiede che la Spagna tuteli il 10 per cento della superficie marina entro il 2012. Finora, infatti, solo lo 0,15 per cento è soggetto a forme di conservazione.

«La mancata conoscenza delle specie che vivono negli abissi oceanici – spiega Ricardo, direttore della ricerca scientifica oceanica in Europa – rappresenta un problema per definire quali aree devono essere tutelate». Per l’identificazione delle specie, questa spedizione ha coinvolto scienziati e Ong, trasformando questa spedizione in una vera ricerca. «Siamo molto soddisfatti, afferma il coordinatore per l’Europa dell’organizzazione – che diversi gruppi e scienziati collaborino a questa iniziativa per promuovere la conservazione degli habitat in tutto l’arcipelago. Ma chiediamo anche la cooperazione del governo spagnolo per avviare politiche che tutelino la biodiversità e le risorse marine».

By johnny.saviotto | 09/03/2016 | Ambiente

I ghiacciai si sciolgono troppo rapidamente: l’allarme degli Stati Uniti

L’ultimo rapporto stilato dagli scienziati rileva gli effetti del riscaldamento climatico sulla regione del Polo Nord.

Innumerevoli studi dimostrano che i cambiamenti climatici nell’Artico sono più evidenti che in tutto il resto del pianeta. Eppure ricerche, dossier e i monitoraggi sullo scioglimento dei ghiacci non riescono a persuadere i grandi della Terra a un impegno urgente e sistematico per fare marcia indietro. A scattare l’ultima fotografia sullo stato del Circolo Polare Artico ci ha pensato il rapporto annuale; un dossier del programma climatico del dipartimento Usa del Commercio. Si tratta dell’ultimo aggiornamento dello status quo che ci rivela come, nonostante nell’estate appena trascorsa l’Artico abbia fatto registrare un po’ più di ghiaccio rispetto al 2008 (e al 2007), gli scienziati hanno individuato, da 5 anni a questa parte, dei cambiamenti drastici nella regione, con un tasso di «sconvolgimento ambientale più rapido del previsto».

L’ottimismo dilaga, ma…

Un coro di ecoscettici e “ottimisti” si è sollevato alla pubblicazione di questo studio, salutando con favore il rallentamento del ritmo con cui si stanno sciogliendo i ghiacci, ma secondo il professore ordinario di Climatologia all’Università di Firenze, «si tratta di un fenomeno legato semplicemente alle variazioni periodiche della temperatura dell’Oceano Pacifico». Ovvero le oscillazioni delle temperature medie delle correnti (il Niño e la Niña in gergo tecnico) che hanno rilevanti conseguenze sul clima di tutto il pianeta. A influire sullo scioglimento dei ghiacciai, secondo lo studio, è anche l’influsso di venti provenienti dal Sud. Un capitolo a parte poi è dedicato alla Groenlandia, dove ogni anno diminuisce lo strato di ghiaccio permanente.

Gli effetti della perdita di quest’ultimo si riscontrano su animali, vegetazione e specie ittiche (l’acqua marina è sempre più calda e meno salata). Per combattere il senso d’impotenza che rischia di renderci inermi di fronte all’immagine dell’orso bianco che nuota disperatamente inseguendo un pezzo di calotta polare, Maracchi consiglia di non perdere di vista il nesso che intercorre tra la riduzione delle emissioni e il riscaldamento climatico. Fare la raccolta differenziata o installare un pannello solare sopra i nostri tetti, quindi, rientra nelle piccole azioni individuali che contribuiscono a risolvere problemi globali.

Bisogna agire in fretta prima che sia troppo tardi

Un esempio di come gli effetti climatici riguardino tutti gli abitanti del globo è fornito anche dal legame che esiste tra l’aumento della temperatura degli oceani e i nubifragi, come quello che ha colpito, e segnato, la città di Messina. «Quando il mare è più caldo la massa d’aria che passa sulla sua superficie raccoglie una quantità maggiore d’energia – spiegano gli scienziati -. In tal modo l’aria sale più velocemente creando una nube che poi scarica una quantità d’acqua maggiore. Ma non è certo il caso di gettare la spugna: il fenomeno del riscaldamento climatico e dello scioglimento dei ghiacci è reversibile. Bisogna, però agire in fretta».

By johnny.saviotto | 09/03/2016 | Ambiente
Next posts